Banner Top POST

Al via il progetto “Misilmeri chiama e cunta”

Il progetto ha l’obiettivo di tessere una rete per chiacchierate telefoniche con chi si sente solo

Al via il progetto “Misilmeri chiama e cunta”

In questo momento di straordinaria emergenza sanitaria mondiale siamo, per il bene comune, confinati nelle quattro mura delle nostre case e molti di noi si ritrovano soli. Ad alcuni la solitudine può anche piacere ma molti potrebbero soffrirne. Probabilmente quelli che più ne soffrono sono i nostri anziani che hanno più difficoltà, rispetto ai giovani, a trovare svago nelle nuove tecnologie. È per questo che un gruppo di misilmeresi ha dato vita al progetto “Misilmeri chiama e cunta”, un’iniziativa che ha l’obiettivo di tessere una rete per chiacchierate telefoniche con chi si sente solo.

“L’idea – dice Antonella Strano, una delle volontarie – è arrivata da un amico delle Marche nel cui paesino l’amministrazione ha attivato una rete di volontari a cui ha dato una lista di numeri di vedovi e vedove (molto probabilmente anziani/e che vivono da soli/e) per fare loro compagnia scambiando quattro chiacchiere al telefono. Abbiamo pensato di replicare l’esperimento a Misilmeri, continua la ragazza, solo che abbiamo aggiunto una variante, dato che la chiamata, probabilmente, si sarebbe concentrata sull’emergenza e avrebbe forse solo portato più tristezza alla situazione di isolamento, perché non dare loro un tema di cui parlare?”.

Oltre a fare compagnia al telefono, questi giovani volontari hanno anche pensato ad un tema importante per le telefonate: il recupero della memoria storica misilmerese.

I volontari si cimenteranno quindi nella scrittura di una piccola enciclopedia misilmerese, arricchita dai racconti telefonici che inizieranno durante la quarantena per poi potenzialmente continuare quando finirà il lockdown.

“Sappiamo che gli anziani sono delle enciclopedie viventi di saperi e hanno tantissimo da raccontarci. Sarebbe bello se ci raccontassero chi siamo, chi sono i misilmeresi, le nostre leggende, usi e tradizioni, storia, ricette tipiche, aneddoti sul nostro paese che andranno persi se nessuno li scrive” afferma Lorenza Strano, un’altra volontaria del gruppo.

Oggi il progetto è ufficialmente partito con la prima chiamata alla signora R., la quale vive da sola e in questo momento può parlare con la famiglia dal balcone. È un momento complicato per tutti, una situazione nuova.  Oggi R., ha potuto conversare al telefono con una volontaria, raccontando aneddoti divertenti e insoliti su Misilmeri e la sua infanzia.

Come la signora R., ce ne saranno tanti per il paese che avrebbero voglia di aderire e ricevere le chiamate di questo simpatico gruppo.

Diffondete la voce e contattateli se conoscete qualcuno che volesse conversare con loro o avesse bisogno di un po’ di compagnia. Qui la pagina facebook “Misilmeri chiama e cunta” e il numero di cellulare 331 7468997. Buona conversazione!

Mi Piace(35)Non Mi Piace(2)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati