Banner Top POST

Amuri d’ammari

Scrivofono Sicano – la rubrica di Vincenzo La Lia

Amuri d’ammari

L’ammutto’ per tutto il pomeriggio senza stancarisi,  era già sira,  la passiata era stata longa, longa e china di centomila discursi. Risate,  siddiatini, mutrii e scaccaniate a purmuna chini.
Gianluca si indirizzo’ verso il muro vascio, che delimitava la spiaggia, dal viale dove si passiava a piedi, si assitto’ e aggiustannula, facendocci fare avanti e narre’, si misi la carrozzina cú Maria di supra, più vicino chi putia.
Tirò un grosso ciatuni surisfatto e cu un gran sorriso stampato nta la vucca ci spio’
” sei contenta?  Vedi che è  bello quà? ”
Idda nun ci arrispunni’,  però lo talio’ e fici un sorriso cuntento ma allo stesso tempo siddiato.
Cà ni nuatre, u mare e il tempo sunnu strani,  spisso seguono a cuntitizza e u malu umore di li cristiani. Il tempo era stato tutto il ghiorno sireno , il sole ci aveva sbattuto r’ incoddo senza tregua ed aveva arrussicato le guance di Maria, facendole diventare comu dù  puma russi.
Di sira invece, cocchi negghia fina,  fina,  comu spogghia  di cipudda, velava nta certi punti il cielo, facendo però, lo stesso trasparire la luna di rarre’ . Si taliarono profondamente, occhi dintra occhi, il silenzio fù  patruni e non fù imbarazzante.
Maria fice un’ espressione dubbiusa ma anche seria e gli chiese
” ma tu cosa vuoi da me? ”
” per forza qualcosa devo volere? ”
“Tutti vogliamo sempre, chi più chi meno, qualcosa dagli altri ”
” e allura se dici cosi,  ti rispondo che … Vogghiu a tia, senza se e senza ma. Pi mia sì amuri chi metti rariche nò mè cori, tutto il resto non conta”
U silenzio ritornò arre’ , ma stavolta fu più pesante, lei addivinto’ serissima, si scanciarono cocchi avutra taliata, cú  l’occhi umiti, chi brillavanu comu u mare e doppo un pizzuddo arrispunni’
” mi hai vista bene? Mi hai guardata per bene?  Non sei né  cieco e neppure stupido, forse sei soltanto infatuato, forse  ciò  che provi è  solo pietà.  Non possono esserci altre ragioni,  è  solo commiserazione, per chi passa la sua esistenza su una carrozzella per handicappati.  Tu credi di amarmi,  ma non è  così. ”
Gianluca pi travagghio faceva l’ avvocato,  era abituato a pisare le parole e aveva sempre la risposta pronta.
Ma questa volta, non disse nulla e non perché privo di argomentazioni o di una risposta ad effetto. Ma sapeva che, quanto vale un gesto, non valgono centumila  frasi e discursi. L’ abbrazzo’ ci passò la mano di rarre’ ai capelli,  ed avvicinò la so’ testa alla sò spadda. Tutto addinvinto’ biddizza,  perfino l’abbanniata del siminzaro,   parsi nà serenata a idda dedicata. Maria sotto voce, con il timbro chianciulino  per l’ emozione e con le labbra vicino alle sue orecchie gli sussurro’ ” non ti basta quanta sofferenza ho nelle mie carni?  Perché vuoi ferie anche la mia anima? Perché è  così che sarà,  ti stancherai di me,  non potrò  mai fare ciò che le altre possono, avrò mille pianti e mille urla,  imprechero’ per ciò che mi è  stato tolto e fragile cadrò poco alla volta,  giorno dopo giorno”
Gianluca continuò a stari muto,  però la mano chi tineva appoiata al bracciolo della carrozzina, si spostò e prese quella di Maria,  stringendola e strusciandola, come a vuliri trasmettere tutto u sò amure e i sò pinseri.
La brezza d’ estate,  la sera suscia sempre,  lieve e china di friscura,  passa tra i capelli  li annaca e li scummina, ma delicatamente.
Via punta secca,  è  così che si chiama quel varco pedonale e lo slargo dove erano assittati Gianluca e Maria, si prestava bene alle pallonate tra picciriddi.  Torre Saracena era il muro sul quale fare i tiri in porta e ogni dieci tiri,  cinque volte il pallone andava  a finire addosso ai cristiani.
Il pallone doppo una serie di rimbalzi, sbatté sulla ruota della carrozzina  e restò li fermo, in attesa che o venisse qualcuno a prenderlo o che Gianluca si isasse e lo tirasse, in direzione della torre.
Una voce chiamo’ ” signor lei,  signor lei,  mù tira stu pallune? ”
Non ricevette risposta,  i due erano assorti e la voce dello scanazzato aree’ ” hooo ma che minchia siete sordi?  Non ci sintite? ”
Arrre’ nudda risposta, allura ci andò, vicino, vicino e quasi a voler spezzare un incantisimo, liberandoli dà quell infinito abbraccio,  ci tuppulio’ sulla spalla e irriverente, quasi vulennu soddisfazione ci addumanno’ ” Minchia ma allura vero surdo è? Avi tre ore che chiamo a lei per il pallone, ma chi fa un ci senti? Si viri cà  siti innamurati. Cú  ama pi davvero nun senti, né  campani sunari, nè  scecchi arraggiari,  un avia torto mè  nonno. Avogghia di chiamare… ”
María fici il sorriso chiu’ lustro chi putia,  cà  puro la stessa luna si mmirio’ e spio’ al picciriddo
” come ti chiami? ”
” Mattia mi chiamo,  ma l’amici mi chiamano Maradona alè alè ”
Maria continuò a ridere e dopo avergli appoggiato dilicatamente la mano sulla guancia
” e perché alè alè ”
“Picchi quanno tiru in porta, paro Maradona e ogni vota cà  segno, fazzu alè  alè ”
Lei sbuffo’ cú navutra risata, poi si piegò dalla carrozzella e senza lassari la mano di Gianluca cú  l’avutra pigghio’ il pallone, lo posò sulle sue gambe e addumanno’ arre’ al picciriddo
” prima che torni nuovamente a giocare , voglio farti una domanda”
“Parrassi”
E con tono ironico ma solenne
” signor Mattia detto Maradona alè alè, a parer suo, questo tizio che ho qua’ accanto,  che dice di amarmi, secunno tia, pi davvero mi ama? ”
Mattia arriri’  cú  scaccano, forte ma talmente forte, di essere sintuto fino a luntanu, luntanu e ci rispunni’
” signorina io vi taliava antura,  e vireva cà  lei parrava,  parrava e parrava sempre,  quasi chianceva e invece iddo, un diceva nenti,  a faceva sfuare però….  Pure cà  un parrava, l’abbrazzava stritta stritta.  Sapi signorina io sono ancora picciriddo e cose supra l’amure ni sacciu picca però,  ogni volta che mè  nonno m’abbrazza e non parla io ci spio :nonno picchi un parri mai mentre mi abbrazzi?  Iddo lo sà  come mi risponde ”
” no…  Ti prego dimmelo ”
” A chi servinu  li parole, quanno l’arma parra  senza rapire la vucca? u vero amure un avi parole è muto e surdo. Quindi signorina un dicissi scimunitarie, certo cà l’ama.”
Le negghie fine, fine che velavano il cielo scomparvero, a luna divinto’ ancora chiu’ bedda, i stiddi s’addumaro una ad una e u’ mare s’ annaco’ cú lu’ vento.

Mi Piace(7)Non Mi Piace(22)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati