Banner Top POST

I francesi a casa “Guastella”: un tripudio di relazione!

Dal 25 aprile al 2 maggio gli studenti di Vannes a Misilmeri

I francesi a casa “Guastella”: un tripudio di relazione!

 

Pienamente immersi nella nostra realtà dal 25 aprile al 2 maggio, i 28  adolescenti francesi del Collège di Vannes et Saint Avé , ospitati a casa Guastella, stanno vivendo un’esperienza davvero unica di relazione, scoperta e conoscenza, accompagnati dai loro docenti Pascal Boulu, Marléne Le Priol e Amelie Ledreau e accolti dalle nostre splendide famiglie.

E’ il coinvolgimento totale che fa la qualità di questo gemellaggio, giunto alla sua terza annualità, che vede impegnata tutta la comunità educativa e consente alle famiglie di sperimentare  competenze di accoglienza e capacità organizzativa.

E’ la voglia di vivere completamente l’esperienza della relazione con l’altro che unisce empaticamente le famiglie, i corrispondenti, i docenti e, per contatto,  raggiunge anche i familiari, gli amici, il territorio.

Gli sguardi gioiosi dei  ragazzi e delle ragazze andrebbero mostrati a chi vorrebbe tentare di mettere in crisi questa Europa, l’Europa che i giovani hanno diritto di vivere senza muri, senza barriere, senza ostacoli, senza paure!

E’ un binomio perfetto questo scambio e si alimenta della sinergia di sguardi, pensieri e azioni che hanno come obiettivo lo “stare insieme” disinteressato, naturale, nutrito dal piacere di conoscersi, riconoscersi e apprezzarsi, anche nelle differenze.

E’ sorprendente quanto si somigliano gli adolescenti di  ogni parte del mondo, quanto coltivano le stesse passioni, quanto coccolano gli stessi desideri, quanto   sanno sorridere e piangere per le stesse ragioni. E’ magico vederli stare insieme, rende felici noi adulti che viviamo all’ombra delle loro gioie e  della loro spensieratezza.

Tante cose da fare insieme a scuola e fuori dalla scuola, dagli atelier di lettura, ai laboratori artistici, dalle esperienze gastronomiche, alle passeggiate e alle escursioni, dagli incontri istituzionali, alle serate in piazza, ai raduni in pizzeria…tutti mobilitati in attività di vario genere, tutti coinvolti e connessi, tutti intenti e contenti!

Si aggirano disinvolti i nostri ospiti tra le specialità  di “casa nostra” dispiegate sulle ricche tavole e il timbro  della nostra “sicilianità” tutta cuore e colore!  E sorridenti le famiglie che li accolgono sciorinano complimenti ai professori e alla Preside per la grande opportunità di poter essere genitore  attenti e competenti dei loro temporanei figli  transalpini!

Ogni momento da ricordare va fotografato e conservato gelosamente in quegli smartphone o Iphone, che trasudano emozioni da imprimere nella memoria del cuore.

Li vedremo piangere  tra qualche giorno quando dovranno salutarsi nel cortile della scuola, abbracciati così stretti da soffocarsi e mettere a dura prova i tentativi di separazione e i richiami dell’autista che deve condurli in orario in aeroporto, li vedremo subito a chattare su whatsapp e a cercarsi su FB, in quei luoghi dove la relazione continua, si nutre e si sostenta, a contare le ore per la prossima partenza!

Li vedremo ad asciugare lacrime e a rifugiarsi tra le braccia di qualche docente, genitore, o  compagno quando l’autobus avrà svoltato l’angolo, con la faccia lunga e lo sguardo basso… e  noi adulti quelle  emozioni le conosciamo bene perché, anche noi, senza vergogna le proviamo e anche noi  mentre li vediamo andare ci consoliamo ripensando che presto ci sarà una prossima volta!

Grazie a chi permette tutto questo, grazie a chi alimenta questa bellezza, grazie a chi crede nella possibilità dell’incontro, grazie a chi vorrà che questa Europa, così umanamente semplice  e naturalmente possibile possa essere ancora  il rifugio dei nostri  giovani eroi!

A cura dello staff di redazione della Guastella

Mi Piace(11)Non Mi Piace(1)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati