Banner Top POST

“I piccoli gesti possono cambiare le cose”, un concorso contro il bullismo

Irene, Chantal e Domenico della Scuola Guastella si sono aggiudicati il premio alla comunicazione

“I piccoli gesti possono cambiare le cose”, un concorso contro il bullismo

Giorno 17-05-2018 alle ore 10:00, presso la Sala De Seta – Cantieri Culturali della Zisa, si è tenuta la premiazione del bando di Concorso “I piccoli gesti possono cambiare le cose” indetto dall’Associazione Cittadinanza per la Magistratura.

Hanno partecipato al concorso tre ragazzi della classe 2^F: Irene Pellegrino, Chantal Schimmenti e Domenico Vitale. Il bando del concorso non vincolava in nessun modo la tipologia di elaborato né il suo contenuto e i tre ragazzi hanno scritto a tre mani un diario da tre punti di vista narrativi differenti. L’elaborato, dal titolo “Diario di una bulla, una vittima e un compagno. Storia di un’amicizia”, racconta della settimana in cui un piccolo gesto, seguito da tanti altri piccoli gesti, cambia la vita di tre adolescenti.

 I tre ragazzi della 2^F hanno vinto il premio alla comunicazione, per la scelta della tipologia testuale – il diario – fido confidente degli adolescenti, e per il tema trattato, il bullismo. Semplice e lineare nella sua stesura, il testo apre una finestra sul mondo degli adolescenti, sui dispetti, sulle invidie, sugli amori, che a tredici anni ti fanno toccare il cielo con un dito oppure ti distruggono l’autostima.

Orgogliosi di essere una scuola inclusiva, siamo altrettanto fieri di valorizzare le eccellenze: con sincero affetto e un pizzico di orgoglio abbiamo visto salire sul palco a prendere la targa per il premio alla comunicazione i tre giovani, imbarazzati, felici e custodi di una gratificazione che li renderà più sicuri di sè domani. 

                                                         A cura della prof.ssa  Luciana Ratto

Noi siamo Domenico, Chantal e Irene. Non siamo scrittori, ma dei semplici ragazzi che conoscono bene i problemi che li circondano. La nostra professoressa, Luciana Ratto, ci ha iscritti al concorso “I piccoli gesti possono cambiare le cose”… che abbiamo vinto! Abbiamo scritto sul bullismo da tre punti di vista narrativi diversi: quello della bulla, quello della vittima e quello di un compagno. Noi inizialmente eravamo spaesati, non sapevamo cosa scrivere, ma poi un colpo di genio, avevamo già tutto in una piccola parola: diario. Il diario è qualcosa di personale in cui esprimi tutte le tue emozioni, nel diario sei te stesso e nessun altro.

     Ci siamo messi d’accordo su Whatsapp su cosa scrivere, su quali fatti descrivere e subito dopo tutti all’opera! Abbiamo raccontato quello che succede ogni giorno e che potrebbe essere successo anche a noi, abbiamo semplicemente messo in mostra le tre parti: bullo, vittima e colui che con un piccolo gesto, quasi insignificante, può cambiare le cose. Il bullismo è come un brutto mostro del buio e se tu non hai la luce non puoi sconfiggerlo. Il bullismo siamo noi e quindi dobbiamo essere noi a cambiare, ma sappiamo tutti che le parole sono semplici e i fatti un po’ meno; ma se c’è la volontà, i fatti diventano ancora più semplici delle parole.

     Siamo onorati di aver vinto questo concorso, di aver scritto questo racconto senza la paura che il giorno dopo saremmo potuti essere noi le vittime, senza paura di dire le cose come sono ed è questo ciò che serve a tutti noi. Che nessuno abbia più paura! …e vedrete che è più semplice di quanto si creda…

                                                                                                                                            Irene Pellegrino

                                                                                                                                            Chantal Schimmenti

                                                                                                                                            Domenico Vitale

Ecco di seguito l’elaborato che ha vinto il premio alla comunicazione:

Diario di una bulla, una vittima e un compagno. Storia di un’amicizia.

LUNEDI’

Irene

Caro diario,
quanto odio Chantal! Carina, brava a scuola e sempre gentile con tutti…Deve capire che sono io la migliore! Quindi ho deciso di darle una bella lezione…Stamattina a ricreazione a sua insaputa ho preso l’arma più imbarazzante di sempre: il suo diario segreto. Purtroppo Domenico mi ha visto e allora sono scappata via. Sono andata subito in bagno e subito ho postato le pagine del diario di Chantal su Facebook. Non vedo l’ora di vederla derisa da tutti!

Domenico

Caro diario,
oggi a scuola ho visto Irene che rubava qualcosa dallo zaino di Chantal, ma ero troppo lontano per fermarla…lei , purtroppo, è scappata via.
Da un po’ di tempo Irene ha preso di mira Chantal, la infastidisce continuamente!

Chantal

Caro diario,
oggi è stata una giornata come tante altre: scuola,esser isolata,presa in giro e siamo ancora solo alle 17:00.
Tutto sommato oggi è successa una cosa che mi ha stravolta. Come tu ben sai ormai non faccio più caso agli insulti e alle offese, ma ciò che è successo oggi è stato come un colpo al cuore. Ora ti racconto…
Come sempre ti avevo portato con me, nella tasca più remota del mio zaino, cosicché nessuno ti trovasse. Beh… Mi sbagliavo! Mi sono allontanata solo due minuti da te, ma avrei tanto voluto non farlo. Ti ho trovato lì… nelle perfide mani di quella snob di Irene.
Il mondo mi è crollato addosso quando ha iniziato a leggerti. Ovviamente il mio istinto mi ha fatto avvicinare a lei e spintonarla. Ovviamente non avrei dovuto farlo. Infuriata, ti ha letto ad alta voce a tutta la classe, rivelando tutto: cosa mi piace, ciò che mi fa più soffrire, le mie paure, le mie emozioni…
Tu per me sei come un amico, anzi… Il mio unico amico. Ho solo te e nessun altro con cui parlare. E anche se Irene e le sue “amiche” mi dicono che è una scemenza scriverti, io non le

ascolto; perchè loro saranno pure le più popolari della scuola, ma per me sono soltanto delle bullette. Non invidio per niente la loro amicizia, perchè non è vera. Ritornando a noi…
Come se non bastasse Irene ha pubblicato le tue foto su facebook. Non immagini l’imbarazzo…

Quelle lì non so cos’abbiano contro di me, ma so per certo che non sto loro simpatica. Però in tutto questo ho visto molto strano Domenico. Vedendo le mie lacrime, ha fatto una faccia strana, come se fosse dispiaciuto…

MARTEDI’

Irene

Caro diario,
oh, che bello!! Appena Chantal è entrata a scuola tutti a ridere di lei… tranne uno: l’unico a non ridere e guardare dispiaciuto era Domenico. Ha addirittura preso le sue difese!!! Si dice sia il più “figo” della scuola, ma in realtà non è nessuno perché qui la più importante sono io!

Domenico

Caro diario,
oggi Giulio mi ha detto che su facebook circolano le foto delle pagine del diario segreto di Chantal…ecco cosa aveva rubato Irene!
A scuola ho visto che mentre Chantal passava tutti la guardavano e ridevano…le ho sentito dire che non vuole andare più a scuola, mi dispiace tanto! Ho difeso Chantal, mi sembrava giusto che almeno qualcuno prendesse le sue difese.

Chantal

Caro diario,
oggi Irene voleva farmene una delle sue, ma qualcosa di strano è accaduto… Domenico ha preso le mie difese. Sì, hai capito bene! Proprio quel Domenico, il mio compagno, quello un po’ fighetto e con tanti amici. A Irene non è andato a genio tutto ciò. Infatti è scappata. Domenico è stato gentile e mi ha dato tanti consigli su come affrontare Irene, consigli che sciocchi non erano. Mi sembra un sogno…

MERCOLEDI’

Irene

Caro diario,
sto iniziando ad avere sospetti su Domenico, che vuole fare? Sempre a difendere Chantal, ma chi si crede di essere?! Oggi, come tutti i giorni, cartacce in faccia a Chantal, sgambetti e altri dispetti del genere. Ad ultima ora, arrivo e stavo per combinargliene un’altra delle mie, ma lui e si mette a difenderla. Io, indignata, me ne vado illudendoli di aver fatto loro vincere la battaglia.

Domenico

Caro diario,
a scuola Irene tirava addosso a Chantal delle cartacce, così ho preso le sue difese ed Irene è andata via arrabbiata. Chantal, intimidita e sorpresa, mi ha ringraziato.
Ho detto a Chantal che lei vale di più di una persona che ne prende in giro un’ altra…lei deve camminare a testa alta!

Chantal

Caro diario,
no, non sto sognando. Fino a poco tempo fa non sapevo come continuare la mia vita e stavo valutando l’opzione di farla finita, ma ora è tutto diverso con Domi.
E poi ti dico una cosa… Lui è molto carino e simpatico, penso che stia cominciando a piacermi…

GIOVEDI’

Irene

Caro diario,
ooooh!!! Mi sto veramente arrabbiando! Oggi come al solito ho inizato a mettere in imbarazzo Chantal e i più sfigati della classe. A ricreazione esco dal bagno e mi ritrovo l’intera classe che mi urla contro e si ribella a me… ma chi si sentono?! Chi credono di essere?! Cerco di reagire, ma l’intera classe sono troppi… alla fine, stanca di sentire tutto, me ne vado e loro di conseguenza lanciano un grido di gioia. Sono rimasta sola contro tutti…

Domenico

Caro diario,

io e Chantal abbiamo deciso di affrontare insieme Irene e a noi si sono uniti i nostri compagni. E’ bastato parlare con loro. Credo che Irene abbia finalmente capito di avere sbagliato.

Chantal

Caro diario,
oggi Irene voleva farmene una delle sue, ma a me si sono uniti Domi e tutti i nostri compagni!!!
Non posso credere che Domenico sia riuscito a far muovere un’intera classe in mia difesa…Grazie Domenico…

VENERDI’

Irene

Caro diario,
oggi Chantal e Domenico mi hanno chiesto di stare con loro. Seriamente?! Io non sto con due caccole! E poi qui c’è qualcosa che non quadra: perché scelgono proprio me? Forse perché gli faccio pena lì tutta sola soletta?!

Domenico

Caro diario,
Irene e Chantal si sono chiarite. Irene, finalmente, ha cancellato i post da facebook e ha chiesto scusa a Chantal.

Chantal

Caro diario,
da quando Irene ha fatto quella figuraccia è isolata, per questo io e Domi abbiamo deciso di parlarle e di perdonarla. Un po’ ci godo che è sola, ma allo stesso tempo mi dispiace, perché sta passando ciò che ho passato io e so benissimo cosa significa…

Irene

Caro diario,

SABATO

wow! Non pensavo di essere arrivata a questo punto…
Sono diventata amica di Chantal e Domenico, non ce la facevo a stare da sola e poi erano gli unici a cui dovevo veramente delle scuse. E quindi ora sono qui con i miei nuovi amici che definisco “coppietta” (Domenico vuole Chantal, chissà se Chantal deciderà mai!)

Domenico

Caro diario,
io , Irene e Chantal siamo diventati amici! Basta così poco… a volte basta un “Ciao, sono qui con te”. Poi se diventiamo in tanti a dirlo…chissà quante cose si potrebbero fare…

Chantal

Caro diario,
dopo la scorsa volta abbiamo invitato Irene nel nostro duo. Ora siamo un trio…
Credo che meglio di così non possa andare: ho due fantastici amici, posso vivere tranquilla, la scuola va bene e ora sono sicura… Mi piace Domenico. Chissà se un giorno gli potrò mai piacere.
Sai, prima ero riempita di insulti, ora di complimenti.
Dimmi tu se il mondo è coerente… Di certo un piccolo gesto, un sorriso, un ciao, un semplice “siamo con te” può cambiare il mondo di un adolescente!

Irene Pellegrino Chantal Schimmenti Domenico Vitale

Classe 2^F – Scuola secondaria di I grado Cosmo Guastella di Misilmeri

 

Mi Piace(7)Non Mi Piace(0)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati