Banner Top POST

Impariamo giocando. Gli Scacchi: cibo per “nutrire la mente “ [Foto]

La Scuola Guastella qualificata alla Fase nazionale del torneo di scacchi scolastici

Impariamo giocando. Gli Scacchi: cibo per “nutrire la mente “ [Foto]

Prosegue l’avventura dei ragazzi del plesso Don Lauri ai Campionati Giovanili Studenteschi di Scacchi a squadre.

Il 10 aprile a Piazza Armerina (Enna) presso il President Park Hotel si è svolta la Fase regionale del Trofeo Scacchi Scuola alla quale hanno preso parte le tre squadre dell’Istituto qualificatesi nella Fase provinciale. Anche questa volta i risultati sono stati entusiasmanti: tutte e tre le compagini, capitanate dal prof. Fabio Polito e coadiuvate dalla prof.ssa Maria Rita Cimò, hanno ottenuto l’accesso alla Fase nazionale che si terrà a Montesilvano (PE) dal 4 al 7 maggio 2017.

I 16 ragazzi partecipanti hanno gareggiato in due distinti tornei nelle categorie Ragazzi e Cadetti. La squadra femminile composta dalle ragazze di seconda Stefania Cocchiara, Maria Giacalone, Chiara Ferraro, Carola Manicotto e Aurora Bruno è giunta seconda nella categoria Cadetti femminili disputando delle buone gare contro le più titolate giocatrici della scuola media Orlando di Palermo che si sono aggiudicate il primo posto assoluto. Sul podio anche le alunne di prima, Giulia Buturo, Beatrice Montanelli, Eleonora Baiamonte, Maria Chiara Levatino e Giorgia Mammo Zagarella che hanno vinto il titolo di migliore squadra femminile nella categoria Ragazzi misti.

Il risultato più prestigioso, però, proviene sicuramente dalla squadra composta dagli alunni di prima Federico Bianco, Gabriele Orlando, Amedeo Costa, Filippo Colletti, Marco Oliva e Francesco Arnone, che hanno centrato uno splendido primo posto nella stessa categoria Ragazzi misti, in una competizione che vedeva impegnate ben sei squadre ai nastri di partenza. Federico Bianco e Filippo Colletti, inoltre, si sono aggiudicati il titolo rispettivamente di migliore prima scacchiera e migliore quarta scacchiera avendo vinto quasi tutte le partite disputate. Grazie dunque a questi ragazzi per le soddisfazioni che ci stanno regalando, siamo sicuri che in occasione dell’imminente evento scacchistico di maggio sapranno tenere alto il nome della nostra scuola.

 Siamo davvero felici per questo risultato, nato quasi per caso, senz’alcuna previsione o progettazione di sorta. Il gioco ormai fa parte del nostro stile educativo! Si impara anche attraverso il “fare” e soprattutto “divertendosi”. Negli ultimi anni abbiamo sempre più favorito la promozione del gioco degli scacchi nella nostra scuola. Basti pensare alla Scacchiera Vivente, diverse volte riproposta in occasione di eventi significativi, oppure della pratica scacchistica inserita a pieno titolo nell’ambito dell”Erasmus + KA2 “Play with me and teach me”, attualmente in corso in partnership con un qualificato team europeo. Siamo sempre più convinti, infatti, che il gioco facilita la formazione umana, la relazione ed i processi cognitivi dei nostri allievi; è una vera e propria “palestra cognitiva”. Attraverso gli scacchi i ragazzi “si mettono in gioco”, utilizzano le abilità possedute e si dispongono all’acquisizione di nuove abilità cognitive; accelerano la crescita della facoltà logiche, aumentano le capacità di concentrazione, perfezionano la qualità delle relazioni, favoriscono la socializzazione in ambito sociale e individuale.

Con tale gioco si sviluppano l’attenzione e l’immaginazione, la memorizzazione e la creatività, la logica, la pianificazione, e l’organizzazione metodica dello studio, ecc. In tal modo la scuola diviene sempre più il luogo dove si costruiscono davvero delle “competenze” e non ci si limita alla semplice trasmissione di conoscenze e procedure applicative.

L’avventura continua!

A cura dei proff. Fabio Polito e Paolo Riggi

Mi Piace(4)Non Mi Piace(2)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati