Banner Top POST

Imprenditore di Misilmeri: ”Mai tangenti al Sindaco di Montelepre”

Svolta nell’Operazione nuovo mandamento

Nei giorni scorsi con l’operazione “Nuovo mandamento” i Carabinieri hanno sferrato un altro duro colpo alla criminalità organizzata, scuotendo, ancora una volta la Politica del palermitano con ben 37 arresti e due comuni, Giardinello e Montelepre, ha rischio scioglimento del Consiglio Comunale.

A tal riguardo il procuratore aggiunto di Palermo Francesco Messineo aveva dichiarato: “Cosa nostra continua a influenzare e condizionare pesantemente le strutture politiche locali verso le quali ha un interesse spiccato”

Il Sindaco di Montelepre, Giacomo Tinervia, è in carcere con la pesante accusa di aver intascato una  una mazzetta e di aver fatto da intermediario per una estorsione.

L’imprenditore a cui il Sindaco di Montelepre avrebbe chiesto la mazzetta è Misilmerese. I fatti si riferiscono ai lavori di ristrutturazione del palazzotto dello sport intestato a Don Pino Puglisi. L’imprenditore Misilmerese, sentito dai magistrati, nega di aver pagato tangenti al Sindaco, ma ammette invece di aver dovuto pagare il pizzo a Cosa Nostra.

A seguito delle dichiarazioni dell’imprenditore misilmerese,sarebbe dunque scagionato il Sindaco di Montelepre, che nei giorni scorsi aveva giurato in lacrime, di non aver mai intascato una mazzetta.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

2 Commenti

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati