Banner Top POST

“Musulumeli, Terra ri l’Emiro e terra mia”

La poesia di Martina Vitrano sulla situazione che sta vivendo il Nostro paese

“Musulumeli, Terra ri l’Emiro e terra mia”

Vi proponiamo una bellissima poesia in dialetto misilmerese scritta dalla giovane Martina Vitrano che sottolinea il momento di grande tristezza che sta vivendo il nostro amato paese ma è anche una esortazione a rialzare la testa e tornare alla normale vita di ogni giorno.

Musulumeli,
Terra ri l’Emiro e terra mia.
Terra d’amuri e dilettu.
Terra ri duminazioni e ricchizza.
Ri Garibaldi e l’amici sua fusti scelta e cu un sulu griro si fici a storia ri l’Italia Unita:
“Nino, Nino domani a Palermo!”
Ora susiti ca un flagellu ci ammazza ac’camora e tristizza e sufferenza si porta appresso.
Pi iddu manca l’aria agli omini tutti e a vita s’astuta. Suli morino ni ospitali e mancu ci spetta l’ultimo saluto
cu i parenti o rintra a casa ru Signuri!
Noi, c’amo statu sempri forti, luttamu contru un nimicu maliritto e invisibile, ca ni teni luntanu da li
nostri mari, nonni e figghi.
Ni porta via a libirtà e u caluri ri li abbracci.
Noi, c’amu statu sempri fedili a li santi patruna, li invochiamo a vuci avuta!
Santi Ghiusto, picciriddu tantu amato, vigghia su noi avutri e scaccia stu maliritto!
E nuautri, aiutamuni e aiutamu i chiù bisognosi, ca c’è gente ca mori ri pititto!
Semu frati e soro cu un granne core, e sulu insieme putemu nescire da stu infernu e putemu
abballare na nostra amata chiazza!

Martina Vitrano

Mi Piace(66)Non Mi Piace(10)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati