Banner Top POST

Papa Francesco ai mafiosi: cambiate vita, convertitevi

L’ incontro di Papa Bergoglio con le famiglie delle tante vittime della criminalità.

Papa Francesco ai mafiosi: cambiate vita, convertitevi

Papa  Bergoglio continua a colpirci, a commuoverci e a “inquietare”, santamente si intende, il nostro cammino. Lo abbiamo visto tenero con i più piccoli, lo abbiamo visto in ginocchio lavare i piedi ai ragazzi del carcere minorile di Casal del Marmo, lo abbiamo sentito “uno di noi”. Adesso, e non ci sorprende, lo sentiamo avverso nemico di ogni forma di mafia e criminalità e insieme coraggioso interlocutore di quanti hanno macchiato la loro coscienza.

Dalla Chiesa di San Gregorio VII a Roma, nell’ incontro che il Santo Padre ha avuto con le famiglie delle vittime di Mafia, Papa Francesco si è infatti rivolto senza termini al potere criminale con parole che hanno il sapore della durezza, della severità ma pure di speranza, quella speranza che l’ evangelista Luca ci narra era nel cuore del Padre misericordioso che attendeva con ansia il ritorno del figlio prodigo:“Per favore cambiate vita, convertitevi, fermatevi di fare il male!  Convertitevi –  ha proseguito – per non finire all'inferno, è quello che vi aspetta se continuate su questa strada. Avete un papà e una mamma, pensate a loro. Il potere, il denaro che voi avere adesso da tanti affari sporchi, da tanti crimini mafiosi è denaro insanguinato, è potere insanguinato e non potrete portarlo all'altra vita. Il desiderio che sento è di condividere con voi una speranza: che il senso di responsabilità piano piano vinca sulla corruzione in ogni parte del mondo e questo deve partire dalle coscienze e da lì risanare le relazioni, le scelte, il tessuto sociale così che la giustizia prenda il posto dell'iniquità", ha aggiunto il pontefice. 

Parole che davvero toccano il cuore, che ridestano nell’ animo la speranza di conversione, la stessa auspicata dal Beato Giovanni Paolo II dalla Valle dei Templi nel  1993 e dal Papa Emerito Benedetto XVI che a Palermo, nel 2010, ha invitato i siciliani a “non cedere alla mafia”.

La presenza e il discorso di Papa Francesco a questo appuntamento in ricordo delle vittime delle mafie non solo ci confermato che davvero questi è un dono di Dio ma soprattutto che il messaggio cristiano, messaggio di vita e di condivisione, nulla ha a che vedere con lotte di potere, con la morte e la violenza.

Il messaggio di Papa Bergoglio assume dunque pieno valore e significato a partire dal nostro accettarlo e viverlo, dal nostro impegno di cittadini coerenti con il nostro credo nei valori veri e nella nostra voglia di riscatto sociale, dalla nostra capacità di rendere onesta, pulita, libera la nostra terra e la nostra Misilmeri.

Prima della benedizione finale, don Ciotti ha poi consegnato a papa Francesco la stola che era di don Giuseppe Diana, il prete assassinato dalla camorra a Casal di Principe, di cui due giorni fa è ricorso il ventesimo anniversario della morte. Il Papa l'ha quindi indossata, impartendo poi la benedizione ai presenti nella chiesa di San Gregorio VII.

Che il grido del Pontefice allora non resti inascoltato. Che chi di dovere si lasci toccare il cuore. Una vita bella, lontano dalla criminalità è possibile. Basta volerlo! 

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

10 Commenti

  1. ciro costanza

    daniele complimenti per l'articolo ma mi permetto di fare solo un piccolo appunto.... il Papa ha esortato anche i rappresentanti della chiesa a cambiare atteggiamento nei confronti dei fedeli...ha manifestato apertamente aperture verso i divorziati e gli omosessuali e ha chiesto a gran voce una chiesa povera!!! IO LO ADORO.....

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
    1. ciro costanza

      giusto mi dici in quale passo del vangelo c'e' scritto che un divorziato non possa ricevere l'eucarestia?
      ce lo vedi a Gesu' negare l'eucarestia a un divorziato?
      e poi scusa hai qualcosa contro gli omosessuali?
      in quale parte del vangelo c'e' scritto che la chiesa debba essere ricca ed essere proprietaria di una banca?

      Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
      Rispondi
    2. Adele

      Se la Chiesa vive oggi la crisi delle vocazioni religiose le ragioni vanno ricercate nella sua stessa storia, che l'ha vista per secoli porsi come un potere politico nepotista,detentore di ricchezze e privilegi.In tempi più moderni non le hanno giovato la rigidità della sua dottrina ,le crisi, gli scandali finanziari,la pedofilìa.Irremovibile nelle sue crociate contro l'aborto, la contraccezione, le coppie di fatto, gli omosessuali, il sacerdozio femminile, i divorziati... in nome del dogma sulla propria infallibilità ha finito per allontanare migliaia di fedeli..Con Papa Francesco ed il suo eloquio semplice e chiaro, oggi la chiesa sembra voler dire basta agli atteggiamenti perentori ed astratti per avviarsi verso un dialogo più semplice,diretto e capace di captare il consenso di tutti, anche dei non credenti.

      Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
      Rispondi
  2. ADELE

    Leggete l'articolo di Vitogol, pubblicato oggi su Live Sicilia , dal titolo "Il bisbiglio di Francesco".Un articolo molto toccante dedicato ad un uomo che l'autore definisce a buon diritto "semplicemente straordinario".

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  3. giusto

    In realtà il vangelo parla chiaramente di certi peccati, sono le azioni disordinato che vengono condannate non le persone. Noto che la voglia di criticare è tanta, mentre quella di approfondire (e sforzarsi di capire certe posizioni ) è nulla . In ogni caso, mi fa piacere che apprezziate il Papa...seguitelo con attenzione, non dice cose nuove usa solo parole piú semplici e amorevoli.

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  4. ADELE

    Per farla breve 1) 1981 "Familiaris consortio" : nella esortazione apostolica postsinodale la Chiesa ribadisce che i divorziati cristiano risposati non possono accedere all'eucaristia ,a meno che...2)1986 affondo contro l'omosessualità; 3)1988 si dice NO alla ordinazione sacerdotale della donna; 4)1989 si dice NO alla contraccezione; 5)1993 si indice una crociata contro la contraccezione e il divorzio. Non voglio dilungarmi oltre analizzando il prima (basterebbe, per tutti, citare Machiavelli)e il dopo. Spero basti.

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
    1. ciro costanza

      brava professorissima....
      giusto ti invito a documentarti sulla vita di Madre Teresa di Calcutta!!!!

      Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
      Rispondi
  5. Vincenzo

    PAPA FRANCESCO SEI GRANDIOSO CREDO FERMAMENTE CHE TI MANDA DIO ,IN QUESTO MONDO PIENO DI CORRUZIONE ,FRANCESCO POVERO,IN MEZZO AGLI ULTIMI. IO PREGO PER TE,LUNGA VITA A PAPA FRANCESCO.

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati