Banner Top POST

Scuola Guastella, Zoé e Candys, le ragazze del collège di Ménimur

Le studentesse francesi frequenteranno per due mesi la scuola Guastella

Scuola Guastella, Zoé e Candys, le ragazze del collège di Ménimur

Il Piano dell’Offerta Formativa rappresenta uno strumento fondamentale per la scuola dell’autonomia e ne sintetizza la sua identità culturale e progettuale, infatti da diversi anni la “Scuola Secondaria di I grado Cosmo Guastella” porta avanti un importante processo di internazionalizzazione del proprio intervento educativo, cercando di valorizzare l’apertura verso altre culture, con l’attivazione di scambi, progetti, mobilità, come ben risulta dal Piano Strategico d’Istituto.

Il lavoro profuso in tale direzione permette oggi di raccogliere risultati soddisfacenti anche per quanto riguarda l’aspetto delle Mobilità , ed in particolare per quelle individuali; si rileva infatti un significativo incremento della domanda di partecipazione da parte di studentesse e studenti che decidono di partecipare agli scambi e di svolgere 8 settimane di studio in un paese straniero. A ciò si aggiunge la disponibilità della nostra scuola ad accogliere alunni stranieri in Mobilità in ingresso per i quali la scuola è pronta a definire un percorso individuale e personalizzato in accordo con la scuola di provenienza.

Lunedì 18 febbraio 2019, nella nostra scuola, sono state accolte due studentesse Zoé Le Bot e Candys Naveau del Collège bretone Notre Dame di Saint Avé. Le due classi 3 B e 3 C che avranno l’opportunità e il piacere di condividere con le ragazze francesi il percorso scolastico, hanno preparato un petit déjeuner d’accueil per festeggiare il loro ingresso nel nostro istituto. Festoni, cartelloni di benvenuto e brevi interviste hanno animato le prime ore della mattinata.

Le due ragazze rimarranno nella nostra scuola per due mesi. I consigli di classe hanno già attivato tutte le procedure per un inserimento delle due studentesse nelle classi in maniera armonica e condivisa, indispensabile per garantire all’intervento educativo efficacia e continuità.

Vivere per un periodo di studio all’estero è una forte esperienza di formazione interculturale.

Le competenze interculturali che verranno acquisite durante il soggiorno all’estero come: capacità di relativizzare le culture, di avere fiducia nelle proprie qualità, di sviluppare responsabilità e autonomia per il proprio progetto di vita e il pensiero critico e creativo, sono coerenti con molte delle competenze chiave stabilite dall’Unione Europea e con tutte le competenze di cittadinanza.

In questa ottica, la Mobilità individuale rappresenta uno stimolo per la crescita di tutte le componenti della scuola che mirerà in tal modo, non solo alla valorizzazione delle eccellenze, ma anche alla ricaduta culturale e didattica di tali esperienze all’interno dei gruppi classe e dell’intera scolaresca.

In definitiva, la mission d’Istituto si presenta come la sintesi di un intero progetto formativo che per essere efficace, attuale e in linea con le più recenti Indicazioni nazionali e internazionali, si apre a tutte quelle esperienze che mirano allo sviluppo della persona e al raggiungimento di un reale successo formativo.

A cura della prof.ssa Antonella Marino F.S. Progettazione europea

Mi Piace(2)Non Mi Piace(1)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati