Banner Top POST

Cantieri di servizio regionali: Ecco i 9 progetti misilmeresi presentati

Le azioni: Manutenzione, sorveglianza, custodia, pulizia

  •  
  •  
  •  
Sono nove i progetti per i cantieri di servizio che l’Amministrazione straordinaria comunale di Misilmeri ha elaborato e presentato, per il finanziamento, all’assessorato regionale alla Famiglia, al Lavoro e alle Politiche sociali.
Tra i progetti si evince la volontà di creare un punto di raccolta della differenziata con pesatura, di impiegare il personale alla sorveglianza degli studenti all'entrata e all'uscita delle scuole, di ripristinare e mettere in sicurezza alcuni siti abbandonati come l'impianto sporitvo di Piano Stoppa e il parco giochi di San Giuseppe, di pulire aiuole, cicli stradali, tombini e caditoie, di bonificare i siti di interesse storico di Gibilrossa (Obelisco e Convento), di ripristino del manto stradale, di manutenzione dei cimiteri, degli edifici scolasti e di beni confiscati alla mafia.
 
Eccoli nel dettaglio:
  1. Sorveglianza e custodia (apertura/chiusura/movimentazione/pesatura) dell’RDPunto da istituire presso l’autoparco comunale (raccolta differenziata) – Area interessata VI “Manutenzioni e servizi a rete”;
  2. Sorveglianza durante gli orari di entrata e uscita dalle scuole dell’infanzia, elementari e medie e servizi di supporto alla viabilità – Area interessata: VIII “Politiche e servizi sociali”;
  3. Sorveglianza e manutenzione ordinaria immobili di proprietà comunale (Castello, impianto sportivo Piano Stoppa, area giochi San Giuseppe, beni confiscati, ecc.) – Staff interessato: III “Politiche comunitarie sistema informatico servizi culturali e scolastici”;
  4. Sorveglianza e manutenzione ordinaria scuole pubbliche ed aree pertinenziali; Area interessata: VI “Manutenzioni e servizi a rete”;
  5. Sorveglianza e manutenzione ordinaria delle aree di verde pubblico e delle zone di pertinenza delle sedi stradali (cigli stradali, aiuole, ecc) – Area interessata: VI “Manutenzioni e servizi a rete”;
  6. Manutenzione straordinaria e bonifica della zona di Gibilrossa compresa l’area dell’Obelisco e dell’ex Convento dei Padri Basiliani – Staff interessato: III “Politiche comunitarie sistema informatico servizi culturali e scolastici”;
  7. Pulizia e manutenzione straordinaria del manto, dei tombini, delle caditoie e dei fossi di guardia delle strade di competenza comunale – Area interessata: VI “Manutenzioni e servizi a rete”;
  8. Custodia, pulizia e manutenzione straordinaria dei cimiteri comunali di c.da Segretaria e c.da Roccapalumba – Area interessata: VI “Manutenzioni e servizi a rete”;
  9. Manutenzione straordinaria e pulizia del verde di pertinenza degli immobili comunali, compresi gli edifici scolastici e i beni confiscati alla mafia – Area interessata: VI “Manutenzioni e servizi a rete”.

Ogni progetto avrà una durata di tre mesi replicabili per ulteriori tre, ma solo se il progetto impiegherà soggetti diversi nella sua seconda fase di attuazione. Il contributo assegnato sotto forma di reddito minimo, infatti, non sarà replicabile per nessun componente dello stesso nucleo familiare nell’ambito del medesimo anno.

Quindi attenzione, ogni famiglia potrà contare su un solo occupato per tre mesi a reddito minimo.

Mentre la Regione valuterà i progetti i Comuni dovranno predisporre gli avvisi per i disoccupati che abbiano nel frattempo manifestato la loro disponibilità presso gli uffici dell’impiego e assegnare a loro un termine di 30 giorni per presentare istanza per essere ammessi ai cantieri. Ricevute le domande ogni Comune dovrà predisporre una graduatoria in base al reddito, ai componenti del nucleo familiare, ad eventuali situazioni di disagio sociale, emarginazione o disabilità esistenti all’interno della famiglia. In ogni caso non potranno essere ammessi disoccupati con redditi superiori all’assegno sociale.

Per ogni progetto il Comune dovrà garantire l’uso di personale in base ad uno schema preciso:

50% soggetti di età compresa tra 18 e 36 anni; 20% ai soggetti d’età comprese tra i 37 ed i 50 anni; 20% dai 50 ai 65 anni non ancora compiuti; 5% portatori di handicap; 5% immigrati residenti da almeno 6 mesi nel territorio del Comune in possesso di carta di soggiorno.

La Regione predisporrà, a sua volta, una graduatoria dei progetti a cui assegnare le risorse in base anche alla popolazione istat di ciascuno comune richiedente.

Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)

9 Commenti

  1. gamba di legno

    complimenti ai dipendenti comunali, artefici di queste proposte progettuali, considerate che molti Comuni siciliani non hanno presentato nessun progetto. bravi, quando ci vuole ci vuole

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  2. alieno

    Tutti questi lavori li potrebbero fare i dipendenti del comune imboscati in altre mansioni che non dovrebbero fare. Dovrebbe essere normale amministrazione mantenere il paese pulito da erbacce e cose varie.

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  3. Marisa84

    Questi cantieri sono uno spreco se non sfruttati bene. Vorrei capire perché si é scelto di fare cantieri del genere finalizzati ai 3/6 mesi di manutenzioni, di custodia, dopo i quali non ti rimane nulla e non cantieri che possono far nascere opere ( come é stato fatto nel passato). Nessuna polemica, vorrei semplicemente spiegazioni magari da qualche dipendente comunale. Grazie

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
    1. Pippo

      Gli attuali cantieri sono "cantieri di servizi", mentre i precedenti erano "cantieri di lavoro". Il bando questa volta non finanzia forniture di materiali (nei precedenti i materiali potevano coprire fino al 49% del finanziamento) per cui non e' possibile realizzare lavoro a meno di non finanziare i materiali con fondi comunali. Ecco il motivo per cui quasi tutti i comuni (anche su specifiche indicazioni della regione) hanno optato per questa tipologia di cantieri.

      Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
      Rispondi
    2. Marisa84

      Se è vero quello che dice Pippo, questi cantieri sono uno spreco incredibile, vergogna, la Regione così dilapida semplicemente i soldi facendo una politica assistenziale. Complimenti a Crocetta

      Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
      Rispondi
  4. Non opere nè formazione

    Quel che dice PIPPO è rispondente al vero. Si creeranno cantieri di servizio e piccoli interventi di manutenzione e/o pulizia.E' l'ennesima trovata assistenzialista di Crocetta per sperperare il denaro della collettività e creare clientele politiche a carico dei contribuenti. Giusto per fare un esempio locale, per vedere puliti i viali dei nostri cimiteri , ci toccherà pagare, oltre i "generali" nullafacenti, assunti in pianta stabile ed a stipendio pieno, anche i disoccupati che,per necessità, si accontenteranno di uno "stipendio" assolutamente ridicolo.

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  5. Misilmerese.

    tutto questo dovrebbe essere fatto normalmente dai dipendenti comunali invece nooooooo entri in un ufficio e vedi una persona che lavora e quattro parlottano tranquillamente e guardano pure l'orologio perchè sono stanche

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi
  6. e chi saccio!

    un ci capiscio chiu nente! Ca invece ri sfruttare sti biniritti cantieri di servizio pi realizzare finalmente limpianti di videosorfeglianza pi futtere chidde chi scassano i monumenti o i mascariano chi fanno? I cantieri pi scupare i strate e i viali ru cimitero e pi stuppare i fognature!!!!!! Ca rico io un ci sunno lìmpiegati ru comune pi fare sti cose? E chi saccio!!!! Como si risse una vota: musulumeri po' canciari!!!

    Mi Piace(0)Non Mi Piace(0)
    Rispondi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emyr Stampa
Emyr Stampa

Articoli Consigliati